Inquietudine

Troverò un quieta landa

dove posare finalmente il cuore,

errante falco inassuefatto

ai deserti di livida arenaria:

dal madido profondo allora

ti parlerò di me, della ricerca mia

ostinata e dei prati d’astri

sfiorati nel lungo andare solitario.

Troverà un senso infine

la mia presenza umana tra miliardi

sotto le fredde stelle inaccessibili,

quando mi specchierò appagata

nel piccolo fondo d’un bicchiere

che intera conterrà la mia inquietudine

placata da un amore senza fine.

Annunci

≈ Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...